» Parrocchia Santi Pietro e Paolo

  • BENVENUTI

    Parrocchia Santi Pietro e Paolo
  • Una chiesa vicina a tutti

  • La nostra chiesa

    una casa per i giovani.
prev next

La conchiglia, le frecce, la credenziale e lo zaino: sono questi i simboli che hanno accompagnato quotidianamente il nostro cammino verso Santiago, ognuno con un preciso significato. Le frecce, tappa dopo tappa, ci hanno aiutato a non perderci e a trovare la strada verso Santiago. Tratteggiate per terra oppure affisse sui muri e sui recinti delle case, spesso accompagnate anche dal segno della conchiglia, sono state una costante del nostro cammino. La credenziale, necessaria per ottenere la Compostela a Santiago, che abbiamo riempito con tutti i timbri delle chiese, degli ostelli, di bar e ristoranti incontrati lungo la via. Un’usanza, quella dei “sellos” che va al di là della semplice attestazione dell’avvenuto pellegrinaggio. Chi passerà per quella strada che anche noi abbiamo attraversato per dirigerci verso Santiago compilerà la credenziale con gli stessi timbri che altri pellegrini hanno conquistato prima di lui e in cui nuovi pellegrini si imbatteranno in futuro. I timbri, a volte curati e fantasiosi, altre volte sobri e lineari, sigillano in questo modo un cammino che supera una dimensione soggettiva e personale per scoprirsi in comunione con gli altri pellegrini. Infine lo zaino, croce e delizia di ogni pellegrino, che ci ha costretto ancora prima di partire alla prima stringente valutazione: cosa è essenziale portare? Quale peso siamo in grado di reggere sulle nostre spalle? 

Siamo partiti alla volta di Santiago il 14 agosto. Dopo aver celebrato la messa nella cappellina della parrocchia, abbiamo raggiunto l’aeroporto per scoprire che il nostro volo aveva un ritardo di tre ore. Poco male: quando si è tra amici il tempo trascorre veloce e l’euforia per l’inizio dell’esperienza estiva tanto attesa non ci ha fatto sentire la noia. In men che non si dica ci siamo quindi ritrovati a Cabo Silleiro, il punto di partenza del nostro cammino. Abbiamo scelto, infatti, di percorrere il cammino portoghese, costeggiando nelle prime tappe l’oceano, lungo le località turistiche di Baiona, A Ramallosa e Vigo, ed esplorando successivamente i boschi e i vigneti dell’entroterra “galego” (della Galizia), attraversando le cittadine di Redondela, Pontevedra e Caldas de Reis. E’ stato bello fermarsi per l’ultima tappa prima di Santiago a Padron, dove secondo la tradizione attraccò la nave che trasportava la salma dell’apostolo e predisporci in questo modo al raggiungimento della nostra meta.  A fare da sfondo al nostro cammino spirituale le giornate apparentemente sempre uguali: la sveglia presto, il silenzio osservato nelle prime ore di cammino, le lodi all’alba, l’arrivo in ostello e il lavaggio dei (pochi!) panni a disposizione. Infine il riposo, la messa e la cena comunitaria (in questo le tapas spagnole aiutano!). Una regolarità arricchita dalla condivisione di chiacchiere e risate, di confronti e di preghiera, che ci ha consentito di superare le preoccupazioni più impellenti – il peso dello zaino, la lunghezza del cammino, le scarpe più adatte o la pulizia degli ostelli – per portarci a toccare con mano i nostri limiti, sia fisici che caratteriali, e farci scoprire che proprio la condivisione della fatica può rappresentare una chiave di accesso alla scoperta di nuove amicizie o alla loro maturazione, all’esercizio di una disponibilità che ci renda più accoglienti verso il prossimo. Arrivando a Santiago il 21 agosto abbiamo percorso l’ultimo chilometro che ci separava dalla Cattedrale scalzi, come migliaia di pellegrini avevano fatto prima di noi. Nel cuore avevamo la gioia e la gratitudine di aver sperimentato concretamente quanto ci aveva detto il Santo Padre nell’incontro presinodale con i giovani al Circo Massimo l’11 agosto: “Se vuoi andare veloce, corri da solo. Se vuoi andare lontano, vai insieme a qualcuno”. 

LITURGIA DEL GIORNO

INFORMATIVA SUI COOKIES



Avvisi Parrocchiali




AVVISO: informiamo che le iscrizioni per il catechismo si potranno effettuare in parrocchia dal 18 settembre al 6 ottobre tutte le mattine dalle 10 alle 12 e, a partire dal 25 settembre, il pomeriggio dalle 16 alle 18 (ad eccezione dei bambini che si devono iscrivere al primo anno di Comunione).
Il modulo di iscrizione può essere ritirato in parrocchia durante gli orari di Accoglienza.

 

Invitiamo i genitori dei bambini che inizieranno il percorso di prima comunione a partecipare il giorno sabato 22 settembre alle ore 10:30 nel salone parrocchiale, per presentare il programma e sensibilizzare alla collaborazione nella preziosità del cammino che intraprendono i loro figli. A seguito dell'incontro e fino al 6 ottobre, chi lo desidera, potrà iscrivere il proprio figlio.

 

Per le iscrizioni chiediamo, gentilmente, di portare il modulo interamente completo nei dati richiesti e corredato dei documenti indicati.

 

Di seguito le date di inizio del catechismo:
I e II anno Comunione: mercoledì 10 (h 17-18) e sabato 13 ottobre (h 10-11) (in base al giorno indicato come preferenza)
I e II anno Cresima: sabato 20 ottobre (h 10-11)

Per qualsiasi informazione contattare la segreteria tramite mail.

 



CARITAS: Dopo la pausa estiva il servizio riprende martedì 11/09

 

 

BIBLIOTECA:sarà nuovamente attiva dall’1 ottobre

 

 



 



APPUNTAMENTI:prendere accordi direttamente con i sacerdoti

 

 

 


 




 

 

 

 

ORARI SANTE MESSA

Dal LUNEDI' al SABATO
Ore 19,00

DOMENICA
Ore 09,00 - 11,00 19,00

ACCOGLIENZA

Da Lunedì al Sabato

dalle ore 9,30 alle ore 12; dalle ore 16 alle ore 18

COLLOQUI CON IL PARROCCO

Martedì
dalle ore 16 alle ore 18

Mercoledì
dalle ore 9,30 alle ore 12,30

CONFESSIONI

SABATO
Ore 17:00 - 19:00

DOMENICA
Ore 10:00 - 11:00